Articoli

, ,

Codiv-19 e Parkinson


A cura della Drssa Giulia Di Lazzaro , Neurologa e Membro del CS  della nostra Associazione

Molte sono le domande che si stanno ponendo i pazienti affetti da malattie croniche, tra cui la malattia di Parkinson, in questi giorni. I dati disponibili sul Covid-19 e la malattia di Parkinson sono ancora molto pochi, dato il breve lasso di tempo dalla scoperta del nuovo coronavirus. Ciononostante, cercherò di rispondere ad alcune domande:

 

I pazienti affetti da malattia di Parkinson sono più suscettibili all’infezione da Corononavirus?

Non è stato riportato un aumento della suscettibilità all’infezione da Covid-19 nei pazienti con malattia di Parkinson.

I pazienti affetti da malattia di Parkinson sono più soggetti a complicanze se infettati da Coronavirus?

Al momento i fattori di rischio per un decorso complicato della malattia sono:

1. patologie pregresse, tra cui ipertensione, diabete, cardiopatie ischemiche croniche, bronchite cronica
2. l’età avanzata. Non ci sono invece dati che supportino un maggiore rischio per i pazienti affetti da malattia di Parkinson.

In particolare, il primo rapporto dell’ISS del 7 marzo sui dati Italiani afferma:

….L’età media dei pazienti presi in esame è 81 anni, circa 20 anni superiore a quella dei pazienti che hanno contratto l’infezione, e le donne sono 28 (26.7%). La maggior parte dei decessi 42.2% si è avuta nella fascia di età tra 80 e 89 anni, mentre 32.4% erano tra 70 e 79, 8.4% tra 60 e 69, 2.8% tra 50 e 59 e 14.1% sopra i 90 anni.

Le donne decedute dopo aver contratto infezione da COVID-2019 hanno un’età più alta rispetto agli uomini (età mediana donne 83.4 – età mediana uomini 79.9)..La comorbidità più rappresentata è l’ipertensione (presente nel 74,6% del campione), seguita dalla cardiopatia ischemica (70,4%) e dal diabete mellito (33,8%).

Il tempo mediano dall’insorgenza dei sintomi al ricovero in ospedale è stato di 5 giorni e la mediana del tempo intercorso tra il ricovero e il decesso è stato di 4 giorni.” (Fonte: https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/)

Se avessi bisogno di cure, potrei usufruire delle stesse terapie delle altre persone?

Non esistono al momento terapie specifiche per l’infezione da Covid-19, né per la malattia più grave da esso causata, la SARS-Cov-19 (sindrome da distress respiratorio acuto da infezione da nuovo coronavirus 2019). L’assistenza medica prevede terapie di supporto il cui accesso non è precluso dalla malattia di Parkinson.

Qualora contraessi l’infezione, dovrei modificare la terapia?

Non è indicato modificare la terapia dopaminergica in corso di infezioni.

 

, ,

POSITION PAPER

Con immenso onore consigliamo un’attenta lettura del POSITION PAPER , Compendio per Medici del Lavoro e Competenti, pubblicazione a cura del Prof Sandro Gentili – UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA “ TOR VERGATA” Dipartimento di Biomedica e Prevenzione, Dipartimento di Medicina dei Sistemi , in collaborazione con Associazione Parkinson Giovanile Roma – Onlus .
È prevista una scontistica sull’acquisto per le Associazioni .

Casa editrice UniversItalia di Onorati Srl
06/2026342
email: editoria@universitaliasrl.it
www.unipass.it
#positionpaper
#pgronlus
#universitalia
#universitatorvergata
#medicinadellavoro

, ,

PGR ONLUS E RADIO RADIO

Salve a tutti!!!!!

Con immenso piacere  vi informiamo che abbiamo accettato il gradito invito dalla redazione di RADIO RADIO , FM 104.5 Roma

La Presidente Emanuela Olivieri e la Neurologa dott.ssa Giulia Di Lazzaro , membro del Comitato Scientifico presenteranno la nostra associazione , gli obiettivi  raggiunti e i progetti da sviluppare per il prossimo anno.

 

,

COSTITUZIONE COMITATO SCIENTIFICO

LA PGR ONLUS HA IL PIACERE E  L’ONORE DI UFFICIALIZZARE LA COSTITUZIONE DEL PROPRIO

COMITATO SCIENTIFICO, COMPOSTO DA ILLUSTRI DOCENTI, MEDICI E RICERCATORI.

PROF. ANTONIO PISANI – PRESIDENTE

       ING. GIOVANNI SAGGIO 

DR.SSA GIULIA DI LAZZARO