PGR ADERISCE AL CIAP

SIAMO LIETI DI COMUNCARVI CHE DA OGGI LA NOSTRA ASSOCIAZIONE ADERISCE AL COMITATO ITALIANO ASSOCIAZIONI PARKINSON.

PUR MANTENENDO LA NOSTRA IDENTITÀ RITENIANO OPPORTUNO, NONCHÉ DOVEROSO UNIRE LE NOSTRE FORZE, ENERGIE E RISORSE AL FINE DI RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI COMUNI.

,

POSTEPAY EVOLUTION

Buongiorno amici,
da oggi è ancora più facile aderire o sostenere la ns Associazione grazie alla
POSTEPAY EVOLUTION
N. 5333 1710 5984 4155

CF : LVRMNL75B61H501U

IBAN IT18K0760105138227203427212

RICORATE DI INVIARE SEMPRE MESSAGGIO O MAIL CON I VOSTRI DATI, AL FINE DI EMETTERE A VS FAVORE REGOLARE RICEVUTA DETRAIBILE.
GRAZIE  Continua a leggere

,

BELFOR ITALIA SRL SOSTIENE PGR ONLUS

Il Presidente Emanuela Olivieri e i Soci tutti, ringraziano di cuore Belfor Italia Srl, nella persona del Suo  A.D. Ing.Filippo Emanuelli per aver scelto di sostenere l’Ass. Parkinson Giovanile Roma Onlus.
Belfor è un’ azienda multinazionale leader nel settore della gestione dell’emergenza di  grandi e piccoli sinistri e di eventi catastrofali.
E’ presente in tutto il mondo e i suoi tecnici specializzati sono operativi h24, svolgendo attività di salvataggio, bonifica e ricostruzione.
E’ un’ azienda sensibile al tema della solidarietà, sempre pronta a sostenere attività benefiche.

GRAZIE BELFOR ITALIA SRL

,

COSTITUZIONE COMITATO SCIENTIFICO

LA PGR ONLUS HA IL PIACERE E  L’ONORE DI UFFICIALIZZARE LA COSTITUZIONE DEL PROPRIO

COMITATO SCIENTIFICO, COMPOSTO DA ILLUSTRI DOCENTI, MEDICI E RICERCATORI.

PROF. ANTONIO PISANI – PRESIDENTE

       ING. GIOVANNI SAGGIO 

DR.SSA GIULIA DI LAZZARO

 

Veterani del rugby insieme a PGR per informare

Il grande cuore dei rugbisti in campo per sensibilizzare e sostenere i giovani malati di Parkinson

,

PRANZO DI BENEFICENZA

In data 25 febbraio 2018 ore 13:00 la PGR ONLUS organizza un pranzo di beneficenza presso Agriturismo Casale Andreuzza, al fine di condividere, aggiornare, confrontarci e raccogliere fondi a favore della ricerca scientifica .

Il costo del menu completo adulti é di 30€ e bambini/ragazzi é di 15€.

É gradita conferma e il versamento dell’acconto entro e non oltre il 10 febbraio.

Per qualsiasi richiesta ed info non esitate a contattarci.

Vi preghiamo di condividere l’evento .

A presto!!

PGR presente al PalaPellicone 2-3/12/2017

FIJLKAM – Coni aderisce all’ iniziativa di sensibilizzazione e promozione dell’Ass. Parkinson Giovanile Roma Onlus. Verrà allestito un punto informativo nell’apposito spazio stand.

Continua a leggere

HAI il Parkinson non SEI il Parkinson

Inizia tutto con una mano, anzi,  con la MIA mano. Da un giorno all’altro la mia mano ha iniziato ad irrigidirsi, a non essere più sincronica e collaborativa con l’ altra; fino a non muoversi quasi più se non per piegarsi verso il torace alla Napoleone Bonaparte. Allora inizia un giro di visite, un carosello di medici con varie specializzazioni che danno diagnosi diverse l’uno dall’altro. Fai questo viaggio un po’ infastidita ma certa che non sarà nulla di serio. Finché  arrivi alla fine fel viaggio, ma non trovi striscioni in festa o omaggi di benvenuto. Trovi un verdetto , più che una diagnosi, che ti destabilizzae ti sconvolge: PARKINSON! Allora inizi a pensare che non è così,  che si sono sbagliati. Ti ripeti che non può essere, che è una patologia legata all’età senile. Ma poi ti accorgi che no, i medici non si sono sbagliati e che  la tua patologia inizia ad arrivare anticipatamente all’età senile. Ed entri in un tunnel che sembra non avere  vie d’uscita. Perché proprio a me? Perché io? Che male ho fatto x meritarmelo? Passano i mesi ed acquisti consapevolezza,  inizi a togliere il perché e la frase si riduce in “proprio a me”. E allora capisci che sarai proprio tu a trovare la via d’uscita del tunnel e una volta uscita ti accorgi che si, i blocchi o i tremori aumentano,  che non ruesci più a fare in tempi brevi quello che una volta era automatico e veloce. Ma al tempo stesso ti rendi conto di una grande verità: gli arti sono bloccati, ma la mente no. La mano trema, ma il cuire è ben saldo e soprattutto,  come compensazione,  il corpo è più debole,  ma il tuo essere è più forte, molto più forte di prima. E qui capisci una grande verità : Tu HAI il parkinson,  ma non SEI il parkinson. Cambia la condizione,  non l’essenza. Così inizi a contate anche ciò che questa condizione ti ha dato. Ti guardi intorno e vedi i nuovi meragliosi amici che ha portato nella tua vita e le splendide persone che ti ha permesso di conoscere e che con un’attenzione  che va ben oltte la professionalità, condividono i tuoi stati d’animo, e ti sostengono . Concludo proprio con un ringraziamento a queste persone e con un augurio di buona consapevolezza a tutti noi. Continua a leggere