, ,

Ricerca Scientifica 2021

 

Questo studio, condotto dai ricercatori dell’Università di Roma Tor Vergata in collaborazione con l’Icahn School of Medicine at Mount Sinai di New York, ha analizzato il rapporto tra traumi cranici e Malattia di Parkinson ad esordio giovanile (al di sotto dei 50 anni).

I traumi cranici, anche se di minore entità ed occorsi in particolare in ambito sportivo, sono emersi come fattore di rischio per la Malattia di Parkinson ad esordio giovanile.
Nei soggetti con Malattia di Parkinson ad esordio giovanile, i meccanismi con cui i traumi cranici favoriscano la malattia non sono ancora chiariti; nei soggetti con esordio più tardivo (superiore ai 50 anni) invece, i traumi cranici possono essere posti in relazione a processi di neurodegenerazione che coinvolgono la proteina tau.
Lo studio dimostra anche che la pratica di sport prolungata nel corso della vita può contribuire a ritardare la comparsa della malattia ad età più tardive.
https://link.springer.com/article/10.1007/s00702-021-02370-8?wt_mc=Internal.Event.1.SEM.ArticleAuthorOnlineFirst&utm_source=ArticleAuthorOnlineFirst&utm_medium=email&utm_content=AA_en_06082018&ArticleAuthorOnlineFirst_20210715
, , ,

Prof. Antonio Pisani al Mondino

E’ un grande onore per tutta la famiglia PGR Onlus avere l’ Illustre Prof. Antonio Pisani alla Presidenza del proprio Comitato Scientifico .

Cogliamo l’occasione per porgere  i nostri migliori auguri per lo svolgimento del nuovo prestigioso incarico.

“Il Prof. Pisani è uno dei massimi esperti italiani ed europei dei cosiddetti “disordini del movimento”, che includono patologie come la malattia di Parkinson, la corea di Huntington e le distonie, alle quali ha dedicato anni di ricerche per comprenderne i meccanismi e disegnare potenziali terapie.

Gli studi condotti dal Prof. Pisani gli sono valsi importanti riconoscimenti, con la partecipazione a comitati scientifici internazionali e l’assegnazione di premi prestigiosi come lo “Stanley Fahn Award” dalla Dystonia Medical Research Foundation nel 2011 e più recentemente il “Bachmann-Strauss Prize for Excellence in Dystonia Research” della Michael J. Fox Foundation, che nel 2019 il Prof. Pisani ha ricevuto direttamente dalle mani del noto attore e filantropo americano. Antonio Pisani fa parte del comitato editoriale di diverse riviste scientifiche ed è complessivamente autore di circa 300 lavori pubblicati su riviste internazionali ad elevato fattore di impatto, un’attività scientifica che gli è valsa l’inclusione nell’elenco dei “Top Italian Scientists” (www.topitalianscientists.org).”

https://www.google.com/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwiwoays4ZXsAhV2QUEAHYypB-MQFjAAegQIAhAC&url=http%3A%2F%2Fwww.mondino.it%2Fantonio-pisani-fondazione-mondino%2F&usg=AOvVaw1kai2-Unk3jOiRTjiIPmgn

, ,

AIFA Proroghe PT

PROROGHE PIANI TERAPEUTICI PER EMERGENZA CORONA VIRUS

https://aifa.gov.it/-/misure-transitorie-relative-alla-proroga-dei-piani-terapeutici-aifa-in-tema-di-contenimento-e-gestione-dell-emergenza-epidemiologica-da-covid-19

, ,

Ing Giovanni Saggio

Prof. Giovanni Saggio , Professore di Ingegneria Elettronica Università Tor Vergata di Roma ci spiega come grazie all’intelligenza artificiale si possono individuare i segni di una malattia dalla voce di qualcuno. La tecnologia può anche essere utile per diagnosticare l’attuale focolaio del nuovo coronavirus.
Il Prof. Saggio è Membro fondatore del Comitato Scientifico della PGR onlus

IL 7 MAGGIO ALLE ORE 17:00 INTERVISTA  ALL’ ING. SAGGIO

https://www.dpa-international.com/topic/italian-professor-can-tell-sick-just-hearing-speak-urn%3Anewsml%3Adpa.com%3A20090101%3A200116-99-504822

 

 

, ,

Codiv-19 e Parkinson


A cura della Drssa Giulia Di Lazzaro , Neurologa e Membro del CS  della nostra Associazione

Molte sono le domande che si stanno ponendo i pazienti affetti da malattie croniche, tra cui la malattia di Parkinson, in questi giorni. I dati disponibili sul Covid-19 e la malattia di Parkinson sono ancora molto pochi, dato il breve lasso di tempo dalla scoperta del nuovo coronavirus. Ciononostante, cercherò di rispondere ad alcune domande:

 

I pazienti affetti da malattia di Parkinson sono più suscettibili all’infezione da Corononavirus?

Non è stato riportato un aumento della suscettibilità all’infezione da Covid-19 nei pazienti con malattia di Parkinson.

I pazienti affetti da malattia di Parkinson sono più soggetti a complicanze se infettati da Coronavirus?

Al momento i fattori di rischio per un decorso complicato della malattia sono:

1. patologie pregresse, tra cui ipertensione, diabete, cardiopatie ischemiche croniche, bronchite cronica
2. l’età avanzata. Non ci sono invece dati che supportino un maggiore rischio per i pazienti affetti da malattia di Parkinson.

In particolare, il primo rapporto dell’ISS del 7 marzo sui dati Italiani afferma:

….L’età media dei pazienti presi in esame è 81 anni, circa 20 anni superiore a quella dei pazienti che hanno contratto l’infezione, e le donne sono 28 (26.7%). La maggior parte dei decessi 42.2% si è avuta nella fascia di età tra 80 e 89 anni, mentre 32.4% erano tra 70 e 79, 8.4% tra 60 e 69, 2.8% tra 50 e 59 e 14.1% sopra i 90 anni.

Le donne decedute dopo aver contratto infezione da COVID-2019 hanno un’età più alta rispetto agli uomini (età mediana donne 83.4 – età mediana uomini 79.9)..La comorbidità più rappresentata è l’ipertensione (presente nel 74,6% del campione), seguita dalla cardiopatia ischemica (70,4%) e dal diabete mellito (33,8%).

Il tempo mediano dall’insorgenza dei sintomi al ricovero in ospedale è stato di 5 giorni e la mediana del tempo intercorso tra il ricovero e il decesso è stato di 4 giorni.” (Fonte: https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/)

Se avessi bisogno di cure, potrei usufruire delle stesse terapie delle altre persone?

Non esistono al momento terapie specifiche per l’infezione da Covid-19, né per la malattia più grave da esso causata, la SARS-Cov-19 (sindrome da distress respiratorio acuto da infezione da nuovo coronavirus 2019). L’assistenza medica prevede terapie di supporto il cui accesso non è precluso dalla malattia di Parkinson.

Qualora contraessi l’infezione, dovrei modificare la terapia?

Non è indicato modificare la terapia dopaminergica in corso di infezioni.

 

,

LE RESOLVINE NEL PARKINSON

L’importanza delle RESOLVINE nella Malattia di Parkinsons grazie ad uno studio italiano pubblicato su Nature Communications, che ha coinvolto i ricercatori dell’Università di Roma “Tor Vergata”, della Fondazione Santa Lucia e dell’Università Campus Bio-Medico di Roma.

Di seguito alcuni articoli:

https://www.nature.com/articles/s41467-019-11928-w

http://www.sanita24.ilsole24ore.com/art/medicina-e-ricerca/2019-09-02/parkinson-resolvine-potrebbero-aiutare-rallentare-sviluppo-malattia-132745.php?uuid=ACWPbVh

https://tg24.sky.it/salute-e-benessere/2019/09/02/parkinson-resolvine-possono-rallentare-sviluppo-malattia.amp.html

https://notizie.tiscali.it/salute/articoli/scoperta-italiana-apre-strada-cura-parkinson/amp/

https://www.federfarma.it/Edicola/Filodiretto/VediNotizia.aspx?id=19944

hhttps://www.ohga.it/parkinson-le-molecole-resolvine-potrebbero-rallentare-la-malattia-e-consentire-una-diagnosi-precoce/amp/

https://www.ilmessaggero.it/AMP/salute/parkinson_cure_sintomi_resolvine_molecole_salute_oggi_2_settembre_2019-4709691.html

 

, ,

SWIMFORPARKINSON

Il 29 luglio 2019 non è una data come le altre

Si è svolta a Capo Peloro- Cannitello,  la prima edizione della Swimforparkinson organizzata dalla Fondazione Limpe per il Parkinson Onlus , Accademia Limpe-Dismov con l’Aquilone Onlus

La Traversata ha visto impegnati 5 Parkinsoniani e il dr. Nicola Modugno .

A sostenere e supportare i nostri amici in prima linea il Prof. Pietro Cortelli, dr.ssa Francesca Morgante, dr. Alessandro Tessitore, dr.ssa Chiara Sensi , Francesca e Patrizia di Leeloo.

La capitana Cecilia Ferrari, Emanuela Olivieri , Marina Argillo, Marisa Sivo, Stefano Ghidotti hanno accettato e vinto l’ardua sfida,  perché in acqua il Parkinson non esiste !!!

Ringraziamo UCBPharma, ABBVIE, Boston Scientific che hanno sostenuto l’evento , la Federazione Italiana Nuoto per il patrocinio  , Rai TV e Mediaset per i servizi e tutti gli accompagnatori

Una giornata a dir poco memorabile !

Qui di seguito qualche foto della giornata …a breve altro video e foto